L'allevamento all'aperto

Diffusione
La terra d'origine dell'allevamento dei suini all'aperto è l'Inghilterra. La vi sono, grazie al clima mite e le moderate variazioni di temperatura, sia d'estate che d'inverno, le condizioni ideali per l'allevamento dei suini in modo economico e rispettoso delle esigenze etologiche degli animali. L'allevamento all'aperto in Inghilterra (Outdoor) interessa già da molti anni il 20-25% dei suini. Altri paesi ove l'allevamento all'aperto è diffuso sono la Francia con il 10%, la Danimarca con circa il 7% degli allevamenti.
In Italia ci sono alcuni allevatori con 30-80 scrofe mentre in numero maggiore sono quelli che hanno da 10 a 30 scrofe all'aperto.

Premesse
Le condizioni necessarie per realizzare un all'allevamento outdoor sono, oltre alla resistenza alle avversità climatiche dell'allevatore, l'avere dei terreni leggeri e ben drenanti. La natura del terreno in effetti è indifferente ai maiali, ma bisogna considerare di poter accedere ai recinti degli animali con il carro del mangime o dell'acqua oppure a piedi anche in periodi di precipitazioni persistenti da più giorni.

I risultati
Il numero di suinetti svezzati varia nell'allevamento outdoor come anche negli allevamenti tradizionali. Alcuni allevatori ottengono 18-19 suinetti scrofa/anno, altri raggiungono 24-25 suinetti scrofa/anno. Un influenza decisiva rispetto ai risultati ottenuti ha accanto alle condizioni ambientali, alle caratteristiche degli animali, all'alimentazione e alle attrezzature messe in campo, l'esperienza nella gestione dell'allevamento. Un tirocinio ed alcune visite presso allevatori esperti nell'allevamento all'aperto è per questo decisamente consigliabile.




Chi siamo

Home